Mughetto: pianta e informazioni dettagliate

Il mughetto o fiordaliso è una pianta perenne che raggiunge un’altezza di 30 centimetri e cresce allo stato selvatico nelle zone boscose. Questa specie viene coltivata anche come pianta da giardino e presenta nel terreno una radice tuberiforme strisciante. I mughetti sono velenosi a causa di determinati glicosidi e all’azetidina contenuti in questi fiori. Il nome latino del mughetto è Convallaria majalis. Majalis significa ‘‘del mese di maggio’’. Canvallaria invece significa letteralmente “giglio delle convalli” e deriva da convalis che significa vallatta.

Caratteristiche del mughetto

Le foglie del mughetto sono larghe, ovali, lisce e picciolate. Si trovano sempre a gruppi di due e fioriscono tra maggio e giugno. Sotto la pianta si trova una guaina di foglie cartacee. Il mughetto è bianco, a pendolo e profumatissimo. I frutti sono bacche di colore rosso contenenti due semi di colore blu. Il fiore raggiunge una lunghezza di circa 8 millimetri. Le ramificazioni si notano da un solo lato e sono formate da 6-12 fiori.

Piante di mughetto

Il mughetto si mette a dimora preferibilmente in autunno o in primavera. Possibilmente su un terreno umido, fertile e ben drenato. È importante aggiungere molto materiale organico nel periodo autunnale, come concime da compostaggio o terricciato. È bene inoltre annaffiare regolarmente la pianta durante il periodo di crescita. Infatti il mughetto non tollera un terreno arido nel periodo estivo. Il punto ideale per mettere queste piante a dimora è ombreggiato o semi-ombreggiato. Queste resistono al sole, a patto che il suolo sia costantemente umido. Provate a unire il mughetto con altre piante amanti dell’ombra come le hosta.

Cura del mughetto

Il mughetto (e le sue radici) può essere messo a dimora 4-6 settimane prima che passi l’ultimo gelo. In questo modo si ha una fioritura precoce. È inoltre possibile piantarlo direttamente all’aperto dopo l’ultimo gelo. Assicuratevi che ci siano venti centimetri di distanza tra le piante, che il punto sia soleggiato e che il terreno sia normale. I mughetti coprono il terreno in maniera eccezionale. La foglia si può far morire in modo naturale. Rimuovete i fiori maturi in modo da ottenere un periodo di fioritura più lungo. Per il resto la pianta ha bisogno di poche cure e essa non è inoltre soggetta in modo particolare alle malattie. Tuttavia le lumache possono rappresentare un pericolo, per cui è bene prendere delle precauzioni.

Riproduzione del mughetto

II mughetto si può far riprodurre attraverso la separazione delle radici. Questo è possibile dopo la fioritura oppure in autunno. Estrarre le zolle in eccesso dal terreno, invasarle e farle continuare a crescere in ambiente interno. Dopo la fioritura le piante possono nuovamente essere messe a dimora. Da piante perenni resistenti quali sono, i mughetti possono resistere al gelo e giacere tutto l’anno nel terreno. Aggiungere del pacciame al suolo per una ulteriore protezione. Esistono piante con germogli privi di ramificazioni, e germogli che ne sono invece provvisti.

Il mughetto è una pianta velenosa

Il mughetto è velenoso, per cui nessuna parte di esso è commestibile. Come nel caso di molte piante velenose, la sostanza contenuta nelle bacche costituisce la base per una medicina naturale. Questa viene utilizzata fin dall’antichità in piccole quantità per le malattie cardiache. Al giorno d’oggi l’industria farmaceutica utilizza ancora le proprietà benefiche di questa sostanza per il cuore.

La nascita del mughetto

Si dice che il mughetto sia originato dalle lacrime di Maria sotto la croce di Gesù. Naturalmente questa è una leggenda della tradizione cristiana. Molto tempo prima della crocifissione il fiore era consacrato alla dea germanica Eostre. Secondo la tradizione germanica il fiore sarebbe un portafortuna in amore e simbolo di amore e purezza.

Usi del mughetto?

I fiori del mughetto vengono usati per i bouquet da sposa o per i Biedermeier. La fragranza dolce caratteristica è usata in molti profumi e eau de toilette. Alcuni dei marchi famosi che utilizzano questo fiore per i loro prodotti sono Dior, Cacharel e Estée Lauder. Se coltivati in giardino se ne sente subito il profumo.

Il mughetto in altri paesi

Nei paesi dell’Europa meridionale è tradizione offrire un fiore di mughetto il primo maggio a una persona a cui si tiene. Secondo tradizione il fiore bianco simboleggia la primavera e porta fortuna e salute fino alla primavera successiva. In Belgio molta gente offre i mughetti il primo di maggio ad amici e innamorati, e in Francia questa tradizione è ancor più radicata. In Finlandia il mughetto è il fiore nazionale, come il tulipano nei Paesi Bassi. Il fiore bianco simboleggia la purezza.

Come acquistare il mughetto

È preferibile acquistare le radici fresche in autunno o in primavera. Fare attenzione che le radici non siano spezzate, secche o ammuffite. Non preoccupatevi se le piante non fioriscono durante il primo anno: gli anni successivi potrete godere di un manto floreale magnifico. I fiori non hanno bisogno di un’aiuola e possono inselvatichire benissimo sotto i cespugli. Un problema per il mughetto può essere creato dal ragnetto rosso che si nutre della parte inferiore delle foglie, provocandone l’ingiallimento e la morte. Questi insetti microscopici possono essere spazzati via con un getto d’acqua. È però necessario utilizzare un prodotto speciale se i fiori sono molto danneggiati. Avete abbastanza informazioni sul mughetto e desiderate acquistarlo da noi? Visitate allora il nostro negozio online e acquistateli in modo estremamente semplice.